LINIT U-Glass

Il vetro profilato per l'edilizia, che nei primi decenni successivi alla Seconda Guerra Mondiale fu inizialmente utilizzato come una soluzione economica a basso costo in semplici edifici industriali e commerciali, grazie all'affinamento dei prodotti, alla qualità, alle forme nette e alla varietà tecnica, oggi è utilizzato in tutto il mondo sotto forma di U-Glass anche in progetti architettonici di pregio come musei, teatri, ospedali, centri commerciali, stadi, immobili aziendali, uffici ecc. con molteplici orientamenti di design.

Il vetro LINIT U-Glass ECO di LAMBERTS si ritrova nei centri di allenamento di importanti squadre calcistiche come Bayern Monaco e Real Madrid, ma anche nelle stazioni delle funivie dei Giochi Olimpici di Londra o sul ghiacciaio dello Stubai.

Gli studi degli architetti più famosi al mondo, come Steven Holl, Ian Ritchie, Rem Koolhaas e molti altri, realizzano i loro progetti con i vetri LAMBERTS. Premi di architettura di fama internazionale, come ad esempio i LEAF awards del Leading European Architect Forum (l’ultimo nel 2016, con il Sainsbury Wellcome Center premiato come miglior progetto e migliore facciata) o vari AIA Honour Awards, testimoniano questo grande apprezzamento per i nostri prodotti.

La convinzione che per il nostro vetro colato ci fossero ancora tante altre possibilità d’impiego da scoprire ci ha molto presto stimolati a percorrere nuove strade nel campo della produzione e del trattamento. Ad esempio, già dal 2001, il vetro U-Glass fino a 7 m che proponiamo di serie è un vetro di sicurezza temprato, con e senza smaltatura colorata o sabbiatura; la nostra azienda è stato il primo produttore di vetro profilato al mondo a compiere questo passo. Inoltre, l’offerta di superfici in vetro è oggetto di un costante ampliamento volto a soddisfare le esigenze sempre crescenti degli architetti in tema di soluzioni estetiche e stili di design di altissimo livello. Per la prima volta al mondo, con il vetro LINIT U-Glass di LAMBERTS è stata realizzata con successo una facciata in vetro profilato a fissaggio puntuale con foratura.

Estetica - Le superfici del vetro

Tutte le tipologie di vetri LINIT sono prodotte in versione standard con la il decoro 504 (struttura perlata), che si contraddistingue per le eccellenti proprietà di diffusione della luce.

Il nuovo LINIT clarissimo è un'evoluzione tecnica del prodotto LINIT klar, già presente con successo sul mercato da molti anni. È prodotto con rulli non strutturati e la sua buona trasparenza, per quanto possibile in un vetro rullato, offre all’osservatore un certo fascino estetico aggiuntivo. In linea di massima, si deve però considerare che la qualità ottica del vetro rullato, a causa delle tecniche di produzione completamente diverse, non può essere equiparata alla superficie e alla trasparenza del vetro float.

LINIT solar ha una struttura superficiale dalla finezza quasi serica, che da una parte consente un guadagno energetico ottimale e dall’altra, grazie al suo aspetto elegante, soddisfa le esigenze estetiche più complesse. Questa superficie è stata sviluppata da Glasfabrik LAMBERTS per Steven Holl Architects (New York) ed è stata impiegata per la prima volta per il Nelson-Atkins Museum of Arts (vedere anche il nostro opuscolo dei progetti). Da allora LINIT solar, oltre che in successivi progetti di Steven Holl come il Pratt Institut a NY, la Swiss Embassy a Washington e il Kunstens Hus a Herning, è stato utilizzato anche in molti altri edifici con le più alte ambizioni estetiche.

Anche il nuovo LINIT cord tiene fede a queste particolari esigenze del design. La struttura superficiale lineare e finissima conquista anche per la sua straordinaria eleganza. LINIT cord , inoltre, sorprende da varie angolazioni con effetti ottici nuovi, sorprendenti e interessanti, che però non risultano “pesanti”, bensì classici e disinvolti.

LINIT prismasolar è una struttura superficiale espressiva sviluppata specificamente da LAMBERTS: se posato in orizzontale serve sia per l’ombreggiamento stagionale, sia per dirigere la luce in profondità all’interno del locale. Inoltre, questa struttura stravagante e unica sul mercato del vetro colato offre giochi di luce interessantissimi e illusioni ottiche inattese anche con la posa verticale.

LINIT Ice è una nuova struttura superficiale di LAMBERTS che sottolinea il carattere naturale e autentico del vetro e ricrea l’effetto estetico del ghiaccio, soprattutto grazie all’interazione con lati interni opachi. Inoltre, si presta all’impiego anche nei settori in cui è auspicata la minore trasparenza possibile.

LINIT Magico è una superficie LAMBERTS che si contraddistingue per la struttura finemente scanalata. Questa struttura superficiale fa quasi scomparire gli oggetti dietro il vetro creando un effetto assolutamente particolare e un gioco ottico straordinario che sembra quasi magico.

Infine vi presentiamo LINIT Moiré, un’interessante evoluzione della gamma di prodotti in vetro LINIT di LAMBERTS. Questa nuova struttura superficiale si basa sul nostro celebre LINIT solar, che affascina con la sua struttura talmente fine da sembrare quasi setosa. Nel nuovo LINIT Moiré, questo effetto sorprendente ed elegante è ulteriormente rafforzato da una fine e classica struttura a linee verticali che fa sembrare il vetro quasi ondulato, conferendo a edifici e facciate maggiore profondità e una struttura più decisa.      

 

I vetri speciali LINIT clarissimo, LINIT solar, LINIT cord, LINIT prismasolar e LINIT Ice sono protetti da LAMBERTS ai sensi della legislazione in materia di tutela del design.

 

Trattamento superficiale LINIT

Grazie a ulteriori fasi di lavorazione, le facciate realizzate con il vetro U-Glass LINIT di LAMBERTS possono essere allestite con un’estetica e un effetto ottico ancora più interessanti e accattivanti. La lavorazione LINIT avviene esclusivamente su impianti di produzione progettati nella maggior parte dei casi da LAMBERTS e adattati alle particolarità dell’U-Glass allo scopo di garantire al cliente la nota e pregiata qualità LAMBERTS.

 

Sabbiato

Con LINIT matt, un vetro profilato da costruzione con interno sabbiato, la luce viene totalmente rifratta e dispersa in maniera diffusa; di conseguenza, contrariamente a quanto accade con una luce direzionale, non si percepiscono contorni netti. La delicata tonalità biancastra così prodotta conferisce a una facciata LINIT ulteriore attrattiva e leggerezza ottica a fronte di maggiori costi relativamente bassi, in particolare se la facciata in vetro viene illuminata dal retro.

La brillantezza di una facciata di questo tipo può essere ulteriormente aumentata utilizzando al posto del vetro standard il cosiddetto LINIT a basso contenuto di ferro: grazie al contenuto di ferro ridotto, il vetro U-Glass LINIT low iron riduce significativamente il consueto tono verdastro del vetro standard, accentuando ulteriormente l’effetto ottico della sabbiatura.

Su richiesta, è anche possibile sabbiare i vetri LINIT solo parzialmente e creare così superfici più o meno trasparenti nella parete in vetro. Vi invitiamo a consultare le specifiche del prodotto LINIT matt, che sono gli unici dati determinanti per la definizione della qualità e del controllo del prodotto. LINIT matt è disponibile anche in versione temprata.

Tutti i vetri LINIT della gamma (senza rivestimento 1.7W, azur e solex) possono essere sabbiati in lunghezze fino a 7000 mm.

Con smaltatura colorata

Grazie all’inserimento di colori ceramici nel lato interno del vetro durante la cottura, il designer o l'architetto ha la possibilità di progettare le facciate LINIT in moltissime tonalità RAL (dal bianco all'arancione, fino al nero), con una maggiore o minore trasparenza a seconda del colore. Per i progettisti e i committenti che apprezzano in particolar modo la tonalità biancastra dei cosiddetti vetri acidati/opacizzati è disponibile una tipologia speciale, LINIT color, che riproduce l'aspetto dei vetri acidati sulla base di colori ceramici.

Anche in questo caso, come per il LINIT matt sabbiato, è possibile aumentare notevolmente la brillantezza ottica con utilizzando il LINIT a basso contenuto di ferro. Il vantaggio di LINIT color consiste in particolare nel fatto che il colore ceramico viene inserito nel vetro mediante cottura a circa 650°C e di conseguenza, rispetto alle tradizionali applicazioni di colore a basse temperature, si ottiene una durata molto superiore, soprattutto in riferimento ai raggi UV.

La contemporanea tempra dei vetri aumenta la resistenza massima alle variazioni di temperatura secondo DIN EN 14179-1 da circa 40 K a circa 150 K, per cui il rischio di rottura del vetro, estremamente probabile con una normale applicazione del colore in conseguenza di una sollecitazione termica, viene spostato in una gamma di temperature che normalmente non vengono raggiunte nelle applicazioni standard. Naturalmente, però, quest’ultimo aspetto deve essere esaminato dal designer in considerazione delle esigenze del singolo progetto.

Su richiesta, è anche possibile smaltare i vetri LINIT solo parzialmente e creare così superfici con e senza applicazione di colore nella facciata in vetro. Tutti i vetri LINIT della gamma (senza rete metallica e/o rivestimento 1.7W, azur e solex) possono essere sabbiati in lunghezze fino a 7000 mm.

Download

Produzione

LAMBERTS LINIT, un vetro calcico-alcalino i cui componenti principali sono sabbia, calcio, sodio e dolomite, è una forma speciale del vetro colato.

Queste materie prime vengono sottoposte a un’accurata fusione nel nostro forno di fusione con combustione a ossigeno, che è il primo nel suo genere ed anche il più ecologico al mondo. Il nastro di vetro estratto dal forno, mentre è ancora nella sua fase plastica, viene modellato a U per mezzo di rulli in acciaio e in questa forma viene quindi raffreddato e solidificato. Dopo un processo di raffreddamento attentamente controllato, il vetro viene automaticamente tagliato alle lunghezze desiderate, sottoposto a controllo qualità e imballato in pacchi con pellicola per trasporti.

Tutte le singole lastre di vetro così ottenute dispongono già di per sé di un carattere estetico individuale e pertanto danno vita a una facciata in vetro vivace e con ottime proprietà di diffusione della luce. Le lastre di vetro LAMBERTS LINIT, diversamente ad esempio dal vetro float, non sono mai esattamente identiche le une alle altre nelle loro caratteristiche ottiche e fisiche, ma naturalmente rispettano i valori e le caratteristiche riportati nelle rispettive specifiche di prodotto.

Dimensioni

Grazie alla sua forma a U e contrariamente alle lastre piatte, il vetro profilato da costruzione LAMBERTS LINIT presenta un’ottima resistenza ai carichi e di conseguenza può essere installato senza traversine anche in lunghezze molto considerevoli (fino a 7 m a seconda del carico di vento). Il vetro profilato da costruzione LINIT ha una resistenza statica talmente elevata da rendere superfluo l’uso delle traversine laterali. Il risultato è una facciata con il massimo del vetro e un minimo di profili di intelaiatura.

Il vetro profilato da costruzione LINIT è prodotto in sette tipologie di base, che si distinguono per le dimensioni del profilo a U. Su richiesta e per ordini a partire da un certo quantitativo, sono possibili produzioni speciali di vetri LINIT con spessori, larghezze della spalla e altezze della flangia differenti. In caso di necessità, il nostro reparto vendite potrà fornirvi informazioni concrete.

Il vetro profilato LAMBERTS LINIT è disponibile a partire da 100 cm fino a una lunghezza massima di 700 cm a seconda del tipo. All’interno di questo ambito di dimensioni è possibile ordinare misure fisse in qualsiasi lunghezza, tenendo conto delle tolleranze di produzione.

LINIT a basso contenuto di ferro

LINIT a basso contenuto di ferro, realizzato in produzioni speciali, è sicuramente il prodotto più pregiato nell’intero settore del vetro profilato.

Grazie alla composizione delle materie prime ulteriormente ottimizzata e con un basso contenuto di ferro, ottiene un grado di trasmissione della luce del 90% circa e un grado di trasmissione delle radiazioni dell’88% circa (occorre considerare le tolleranze di produzione usuali del vetro colato).

Poiché dalla fusione del vetro LINIT low iron di norma si ottiene un vetro molto più chiaro/meno verde rispetto alla produzione standard, il LINIT a basso contenuto di ferro è spesso utilizzato da architetti e progettisti soprattutto in abbinamento con superfici lavorate (LINIT matt sabbiato o LINIT color con smaltatura a colori).

In queste produzioni speciali viene realizzato per lo più P 26/60/7 solare a basso contenuto di ferro per progetti specifici o per lo stock (vendita fino a esaurimento scorte; sono possibili prenotazioni). Altri tipi di LINIT a basso contenuto di ferro vengono prodotti per progetti specifici con le caratteristiche necessarie, a partire da un fabbisogno minimo che varia a seconda dei tipi di vetro.

In caso d’interesse vi invitiamo a contattare il nostro personale addetto alle vendite.